Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/270

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


240Bon naso la m'à dà,
Costanza, volontà
Gran dose de bardela,
E testa quadra quanto una burela,
Invece de ocuparme da dindioto
245In sti veri sempiezzi, in ste fredure,
Che no le cava el goto,
E ghe scalda la zuca a le creature,
Mi co più assae compenso
M'esercito el bon senso,
250lmpiego el mio inteleto,
Coltivo el mio talento
Nel nobile sogeto,
Nel'eroico argomento
De le russae de pugni, ma de quele,
255Ve l'assicuro mi,
Da far de chiaro dì
Vedèr le stele;
Pugni senza ecezion
Contro l'indigestion,
260Che da tempi remoti,
Per un gran corso d'ani
S'à dà fra Nicoloti
E Castelani,
Lassando nei volumi de la storia
265Pagine brilantissime de gloria.

Apolo mio, carissima persona,
Del bel monte Parnaso feudatario,