Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/258

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Ma una so ochiada,
Che al mio vero afeto
La ze una stocada,
25Me storna el progeto,
E senza far moto
So in stato ridoto,
Che movo a pietà.

Se po d'acidente
30La Cate me toca,
No ve digo gnente,
Me vien l'aqua in boca,
Go pronte le prove
Che tuto se move,
35Che so inamorà,

E alora, ripeto,
Beato, contento,
Scaldà da l'afeto,
Tentà mi me sento
40Mostrarghe sul fato
El mio vero stato,
Per dopo... chi sà.