Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/245

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


45E fra le tante cosse
Go i nervi che me tira,
El rantego, la tosse,
I corni che me impira,
E sinamente go qualche rechioto
50De certe malatie,
Che purtropo ò sofrie
Da zovenoto;
Infati son adesso
Da sto ingrato complesso
55De malani,
E coi mii setant'ani,
Che go adosso,
Ridoto pele e osso,
E l'ago de l'amor,
60Che ga fato furor
Nei tempi andai,
No val i so pecai,
No lo regola più la calamita,
Fra i quondam l'è passa,
65E oramai lu no dà
Segni de vita.

Ma in onta a tuto questo,
Te zuro, te protesto
Ingenuamente,
70Me par d'esser beato
Co posso starte arente,
E te lo prova el fato,