Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/219

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Per prova mi lo sò
     Volentiera i ve aceta in ogni buso;
     Ma adesso, musa mia,
     Che da l'età
     Ti ga squasi fruà
     La fantasia,
     E tuti se pol dir quei requisiti
     Che riesce graditi,
     Te l'assicuro mi
     Certi argomenti
     No ze più pan per ti,
     Te manca i denti:
     Su la galanteria meterte adesse
     Nel stato che ti ze
     Saria l'istesso,
     Che ancuo volesse mi far da lachè
     Co cinquant'ani e queli de la nena,
     Che go sora la schena,
     Co qualche intrigo, che no vogio dir,
     E co cinque sie cali,
     Che me fa maledir
     Scarpe e stivali.
In te le società de prima classe
     Oramai no ti devi aver coragio
     De comparir s'anca i te tolerasse,
     Perchè pol capitar quel dal formagio,
     Quelo che se'l te cata
     Sogeto de censura,