Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/214

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Perchè co do sbarae
La va a gambe levae
75Che la se copa;
La toga el mio consegio,
La torna a casa soa che sarà megio,
E in mezzo qualche prà
Co vien sto magio
80Cantar la podarà
Co più coragio. —

Da bestia, da ustinà,
Confesso el mio pecà,
Malgrado sto tantin de rebalton
85Voleva a tuti i pati
Aver el don
Che'l ghe concede ai vati;
Ma quando co l'idea de interessarlo
Go credesto ben fato
90De informarlo
Chi gera el candidato,
Che gaveva intenzion
De celebrar,
A Apolo, co rason,
95Lo devo a mio dispeto dichiarar,
Ghe ze venudo suso un simiton,
E co tanto de muso
Me cazza do pignate,
E po me dise: — vate...
100Nè azzardarte mai più vegnir qua suso,