Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/212

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


In tutoquanto quelo,
Che nol saria dal Cielo
Destinà,
20Salva, la ze ben chiara,
Una qualche ecezion
Ma che ze rara,
Come in altra ocasion
Go rimarcà
25Anca per el passà.

E che la sia cussì
Ancuo la prova ve la dago mi,
Che senza pensar su, da testa mata,
Da zuca, da melon,
30De cossa che se trata
E quel che son,
Da un sentimento interno stimolà
Me so determinà
Col mio rimario e la chitara al colo
35De andar sul monte a suplicar Apolo,
Aciò che in sta zornada el me permeta
Per grazia e bontà soa far da poeta.

Apena arivà suso
Me presento
40Per farghe un complimento,
Ma lu co un certo muso
Da inquisitor de stato,
Come se avesse fato
Qualche grave mancanza,