Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/209

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


E con quatro parole, ma de quele
Da portar via la pele,
Che dà una gran salata
20Disendoghe cussì, che co se trata
Servir a un omo onesto, che procura
De torse per compagna
Una creatura
Col fisico e 'l moral senza magagna,
25Bisogna contentarlo,
No se deve inganarlo,
Minaciandolo de la dimission
A la prima ocasion,
Che 'l preceto presente
30No l'avesse osservà precisamente.

Amor che ga criterio,
Capindo che l'afar
Podeva deventar
Piutosto serio,
35E che non adempindo sto preceto
El meteva in pericolo el paneto,
Dopo aver ben pensà
Che presenta una istanza
Disendoghe: — maestà,
40Aciò la mia ignoranza
El mio scarso talento
No fassa che cometa
Un mancamento,
La prego, la permeta.