Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/204

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Sul cassero montà
Del bastimento,
Col desiderio unito a la speranza
20Percore ogni distanza,
Dal logo dove impera
I geli permanenti
Sin a quelo che in cenere la tera
Ze ridota dal sol coi ragi ardenti,
25Senza che lo spaventa
Disagi o traversie che se presenta.

Dio che da l'alto regna sui viventi,
E co la so bontà,
Che ze infinita,
30Ghe dà le facoltà
Corispondenti
A l'indole de vita,
A la qual i ze stai
In sta vale de stenti destinai;
35Nel somo soo saver
Ghe acorda al mariner
Forza da soportar
Strusie, disagio,
E i mari de sfidar
40Co del coragio.

Dunque la nave mia sera e matina
Intrepida camina,
E quando le bufere e le tempeste,
Che fa deventar l'onda prepotente,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/204&oldid=64228"