Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/195

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



La dira che dovaressimo
Co riflessi farse avanti,
Ma, la creda, saria inutile
188Le ne straca tutiquanti;

Malapena se se aprossima
Sia de zorno, sia de note,
Le ne assalta come vipere,
192Le ne sorbe, le ne ingiote;

Le più bone, le più docili,
Da demoni le ne afronta,
De continuo ripetendone
196Che le chiacole no conta,

Che bisogna far da omeni,
Che in ste urgenze, che in sti stati,
No se deve andar a perderse
200In parole, ghe vol fati.

Qualcheduno che intrometerse
Ga volesto nel'afar,
Da imprudente l'è andà a rischio
204No poderse più cavar;

Saltafossi, el fio del nonzolo,
Che à tentà calmarle tute,
Co dei fiaschi solenissimì
208Ga rimesso de salute,

E quantunque fresco e zovene,
San, robusto, pien de inzegno,
Del riscaldo de le femene
212Porta ancora qualche segno;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/195&oldid=64219"