Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/189

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Da paura che ghe capita,
No sonando, la tempesta,
El progeto d'una suplica
20Gh'è venudo per la testa.

Sto so piano i mete in pratica,
E vestidi su a la bona.
I va a casa in diese dodese
24Da Liseta so parona,

E i ghe dise — nu, lustrissima,
Questa ze la prima volta
Che vegnimo suplicandola
28Del favor che la ne ascolta. —

Complimenti in modo rustico
El più anzian se mete a far,
E podopo co sti termini
32La facenda a calumar.

— Ze do mesi che per ordine,
Nissun sa de che persona,
Co un rigor de novo genere
36No i ne lassa che se sona;

Nele vile de nu prossime
Tanto tardi che abonora
l ga liberi i batochi,
40Le campane le laora.

Tutiquanti come 'l solito
I pol far le so funzion,
Tuti sona co ghe comoda
44Senza aver oposizion;