Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/180

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


St'altra — per mi qua stago
Se credo che i me mazza; —
75Vala a sarar, — oibò,
Sarela vu, — mi no, —
E dopo un tananai,
Che no finiva mai,
Dopo tanto andar drio
80Dal dito al fato
La question ga finio
Co sto tratato:
Quelo che primo parla
El dovarà sararla.

85Contenti de aver fata
Sta strana compatata,
Sia Berta quanto Checo
Da ustinai
Senza più bater beco
90De le ore i ze stai,
Quando da l'acidente
Passa per là un studente,
Un de quei scavezzoni, un de quei musi,
Da no poder fidarse,
95Che cerca de ficarse
In tuti i busi;
E a veder su la strada
De note anca avanzada
Porta averta
100Senza nissun a l'erta,