Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/139

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


O per altra rason
Da là tre mesi el povaro Sempronio
Co un mal se buta in leto,
20Che pareva a l'aspeto
Una cossa da gnente, una cagnera,
Ma che dopo do dì s'à fato serio,
E serio in tal maniera,
Che 'l dotor Desiderio,
25Medico valentissimo a la cura,
Certo dai dati che Sempronio presto
El gavaria dovesto
Sodisfar el tributo a la natura,
Anunzia a la famegia,
30Che no ghe ze più angolo a sperar,
E senza cerimonie la consegia
De meterlo al sicuro, e procurar,
Che 'l fassa sul mumento,
Se nol l'avesse lato, testamento,
35Podendo capitarghe un serasera
Da no arivar a sera.

Rosina povareta,
Contrita, rassegnada a sta sventura,
Che ghe vien quando manco se l'aspeta,
40Trovandose sicura,
Che senza testamento
Tuto saria stà soo quel che 'l lassava,
Perchè la conservava
De erede universal un documento,