Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/139

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


O per altra rason
Da là tre mesi el povaro Sempronio
Co un mal se buta in leto,
20Che pareva a l'aspeto
Una cossa da gnente, una cagnera,
Ma che dopo do dì s'à fato serio,
E serio in tal maniera,
Che 'l dotor Desiderio,
25Medico valentissimo a la cura,
Certo dai dati che Sempronio presto
El gavaria dovesto
Sodisfar el tributo a la natura,
Anunzia a la famegia,
30Che no ghe ze più angolo a sperar,
E senza cerimonie la consegia
De meterlo al sicuro, e procurar,
Che 'l fassa sul mumento,
Se nol l'avesse lato, testamento,
35Podendo capitarghe un serasera
Da no arivar a sera.

Rosina povareta,
Contrita, rassegnada a sta sventura,
Che ghe vien quando manco se l'aspeta,
40Trovandose sicura,
Che senza testamento
Tuto saria stà soo quel che 'l lassava,
Perchè la conservava
De erede universal un documento,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/139&oldid=64169"