Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/136

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Come i possa aver fato
Dopo tanta atenzion
75A robarghe 'l moscato,
Se la spina e 'l cocon
Gaveva ancora
I so sigili sora
Tal qual che i ghe ze stai
80Da lu istesso aplicai,
Se no s'aveva mosso
L'arnaso, e dapertuto
Deposta come un osso
El gera suto
85Da poderse acertar che no l'è roto,
Nè se vedeva segno,
Che fosse stà introdoto
Qualche ordegno
De quei che apianpianin
90Serve a cavar el vin
Senza usar de la spina o del cocon,
Sior Momolo Talpon
A contarghe l'afar co stupor grando
Va a casa de Zaneto,
95Che assae de lu più dreto
El ghe risponde — quando
I sigili aplicai
In modo diligente
Intati sia restai
100Precisamente,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/136&oldid=64167"