Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 1.djvu/240

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     L'uso dei lavativi è stà introdoto,
     E me par de aver leto,
     Dal medico Kulim
     Ai tempi de Maometo
     Co s'à amalà Ibraim,
     Uso che dopo vari
     Efeti salutari
     Col progresso dei ani,
     E con del fruto,
     S'à propagà fra i popoli cristiani,
     E in seguito pertuto.
E nela storia antica ò trovà scrito
     Che un corsaro da mar certo Mazepa,
     Omo robusto e ardito,
     El sia stà el primo che à inventà la slepa,
     La qual co vari esempi prova un doto,
     Che la ze diferente dal sberloto.
Dele altre scoperte interessanti
     Co le mie osservazion far go podesto,
     E per utilità de tutiquanti
     Me lusingo assae presto
     Poder esser in caso de stamparle
     Per dopo regalarle,
     Sicuro in sta maniera,
     Perchè go l'esperienza,
     D'esitarghene a miera,
     E garantirle da la maldicenza.
Co sto emporio de rare cognizion,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_1.djvu/240&oldid=57954"