Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 1.djvu/121

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     E i omeni più sani
     Morirà in do tre zorni dal samoro,
     Mal che sinora ga soferto i cani;
     Ma ogn'altra infermità
     A torselo andarà
     Co l'aiuto de Giove,
     Ele capisce dove.
Questo del trentasie ze 'l mio presagio,
     E dopo averme tanto sfadigà
     Dovarò forsi soportar Foltragio
     Che no se creda a le mie verità,
     Perchè qualunque parto mor in cuna
     Se no ghe dà le tete la fortuna.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_1.djvu/121&oldid=57246"