Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/70

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A MADONNA


CHE METTE IN BURLA IL POETA


MADRIGALE


Vu ridè, vu burlè
     De quel che scrivo e digo
     Per farve bela più de quel che se'.
     Mi ò fato quel che diè far un amigo
     Che cerca de dar consolazion;
     No perchè sia sì mato e sì bufon
     Che no cognossa chiaro e a averta ciera,
     Che se' 'l più bruto muso de sta tera.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/70&oldid=68063"