Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/21

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PROTESTA DI AMORE


V'amo, fia, quanto posso, epur no v'amo
     Con tuto questo quanto che vorìa;
     E no posso dover co' doverla,
     Che a quel che vu se' degna, ve disamo.

Mo chi no vorìa amar misero e gramo
     Quanto che pol bramar la fantasìa?
     M'à sì possù sta ardente vogia mia
     Che poi pi'l meritar, che quel che bramo.

I meriti che avè va sora el Cielo,
     E se ghe molo drio sta vogia grama
     La par un calalin drio d'un stornelo.

Possio restar però che mi no v'ama?
     Anzi, cuor mio, per mio mazor flagelo
     Quanto è manco 'l poder cresse la fiama.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/21&oldid=67796"