Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/102

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     L'artiglierìa laora
     Con spessissimi tiri;
     El tirar el fià in suso
     Serve per archibuso,
     50E xe tante bombarde i so' sospiri,
     L'à po' la corda e 'l fogo
     Che dura sempre e ch'arde in ogni logo.
Resolvite, de grazia,
     Resolvite in t'un trato,
     55E va de longo alegramente via;
     Ma, fame un' altra grazia,
     Che sia tra nu sto pato:
     Se ti pii Famagosta e Nicosìa
     Dàle a la Signorìa1
     60Con tut'el so paese,
     Omeni, done e 'l resto.
     Tuti (come xe onesto)
     Sarà po' toi; ti ghe farà la spese,
     Che chi a l'Amor intorno
     65Vive d'Amor con do' marcheti al zorno.
Chi sa, Canzon, ch'Amor no sia d'acordo
     Co 'l Turco, che se vede
     Ch'i è cani tuti do' privi de fede.

  1. Alla Repubblica di Venezia.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/102&oldid=64134"