Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/91

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.




I.


     Nel me sarvel gh'è tuta 'na corona
de gran pensieri che no va mai via,
e nel me cor gh'è un campanil che sona
le so campane de malinconia!

     Quele campane che so ancò le stona
a traverso un cantar de poesia,
doman le bate con quel'aria bona
che me desmissia1 un to pensier, Maria!

     Nasse2 ste rime quando su le sese
taca3 l'inverno a caminarghe sora;
quando le foie strache i è destese

     ne i fossi4 che no i pol più ciacolar;
quando i osei5 che i leva su a bon'ora,
no i g'à più quela voia de cantar.

  1. desmissia: sveglia
  2. nasse: nascono
  3. taca: incomincia
  4. fossi: ruscelli
  5. osei: uccelli
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_veronesi_(Giovanni_Ceriotto).djvu/91&oldid=64018"