Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/63

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Cose de sto mondo

Su l'album de la Signorina Rita Cuzzeri.


     Fora dal masso ò volù tor 'na rosa
che in fondo al gambo la g'aveva un spin;
e ò dito: L'è così anca me morosa
quando la g'à 'na ponta de morbin.
          5Morbin che ponse1 e che no dà fastidi
          se quel morbin te vien quando te ridi!

     Quel garofolo rosso che t'ò dado2
che a momenti de foie el resta sensa,
l'è istesso del me cor inamorado
10che a poco a poco el perde la passiensa.
          Passiensa che se perde e che se trova
          se ogni streta de cor la par più nova.

  1. ponse: punge
  2. dado: dato
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_veronesi_(Giovanni_Ceriotto).djvu/63&oldid=63987"