Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/20

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Sora un ponte, de note


     No se sente sigar1 quel da i giornai,
gnanca quel da i biscoti o da i cerini,
gnanca quelo che vende i bicerini,
piati, terine, calici e bocai;

roba che dura e no se rompe mai,
zugatoli de stagno e soldadini;
no se sente sigar gnanca i putini,
che i vol la bala, el sercolo, el tranvai.

Tuto tase! Ma l'Adese el camina
drio le so rive sempre sbisegando,
fin che l'aria se fa più fresca e fina;

     e intanto che i fanai drento i se specia,
come 'na vosse che te va parlando,
el par che 'l porta le rosarie in recia.

  1. sigar: ― gridare.