Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/117

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



     dove le spale se anca le se cucia
le lassa el posto parchè bata el cor,
dove ogni ponto tirà su co l'ucia
32g'à le so strussie, ma no g'à dolor!

     Come se sveia un fior de primavera
spetando el sol e respirando el prà,
spetando el sol su la to tressa nera
36respirando anca ti te t'è sveià.

     El sol sercando i sbaci più a bon'ora
l'è capitado a piturarte el leto,
e ti davanti al specio a trarte fora
40qualche risso de più par far più efeto,

     Quela matina t'è cambià un vestito
fato da ti e che te stasea più ben,
col vel in testa comodà pulito
44lassando verto el coresin sul sen.