Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/115

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.





     Fin che la neve a pian zugatolava
prima de indormensarse su le strade,
quando l'alba d'inverno se strussiava
4per darghe i primi ciari a le contrade;

     con quela neve che parea laneta
fata per sbianchesar camini e case
e per metarghe in testa la bareta
8al campanil che sona e a quel che tase;

     serada su con quel tabar a spale
scondendo el corpetin streto in cintura,
co le falive che parea farfale
12che te fasea l'amor sensa paura,