Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/111

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.




III.


     S'à visto sotto i rissi de la bionda
slusarghe i oci come brasa viva;
è passà un desiderio come un'onda
che sospira sercando la so riva.

     A' tremado sul banco le balanse
e l'ombrelon l'à fato un complimento;
è rugolà par tera le naranse
da un sesto che l'è stado poco atento.

     Co 'na scusa trovada lì par caso,
col desiderio nato su dal cor,
a l'ombra de quel sesto el primo baso
s'à confuso co i boti de la tor.