Pagina:Poesie edite ed inedite de Lodovico Pastò venezian.djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A NINA ADULTA.


CANZON.


Cara Nina, vien qua chè te varda...
     No t'ò visto mai più tanto bella,
     Ti xe bianca, ti è grassa, ti è sguarda;
     4Ti xe insomma una riosa, una stella.
Mo che drezze più bionde del oro!
     Mo che cegie, mo che archi d'amor!
     Mo che ochieto, co vivo, co moro!
     8Che bei lavri, che brusa ogni cuor!
Che cantini del late più bianchi!
     Che brazzoti, che man, che penin!
     Mo che colo, che peto, che fianchi!
     12Che grazieta, che brio, che sestin!
Ale curte, el to esterno xe belo;
     Ma el to cuor, cara Nina, xe un can;
     Ti ga un cuor, che ga tanto de pelo,
     16Ti ga un cuor indiscreto inuman.
Ti ga un cuor, che no sente pietà
     De chi tanto te stima, e t'adora,
     De chi tanto te xe innamorà,
     20Che no manca che'l spira, ch'el mora.
Ma la morte per mi saria un miei,
     Se lassasse sto mondo per ti,
     Perchè forse inalora, crudel!
     24Ti traressi un sospiro per mi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_edite_ed_inedite_de_Lodovico_Pastò_venezian.djvu/32&oldid=63833"