Pagina:Poesie edite ed inedite de Lodovico Pastò venezian.djvu/30

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RITRATO DE CLORI.


SONETO


Tagio gentil, e conveniente altezza,
     Cavelo negro quasi inbovolà,
     Ochio castagna; ma de quei che tra
     4Un certo chè nel cuor, che lo scavezza.

Colori quieti; ma che ogn'uno aprezza,
     Bochin da da corali contornà,
     Peto ben fato... tropo imbaverà!
     8E tuto el resto, tuto una belezza.

Trato divin, e talequal con tuti,
     Maniere oneste, che xe sempre quele,
     11Un cuor...o dio, che cuor! quanto benfato!

Somi talenti noti ai vechi, ai puti;
     Tute insoma le doti le più bele
     14Forma de Clori el semplice ritrato.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_edite_ed_inedite_de_Lodovico_Pastò_venezian.djvu/30&oldid=63832"