Pagina:Poesie Veneziane Sul Filosofo Inglese.djvu/30

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Par superflui i caveli, vive anca chi se rada,
     Ma se dà bela dona co la zuca pelada?
205Quel ch'è vero superfluo in tragedia o in comedia
     Xe veramente quelo che fa dormir, che tedia,
Come saria una tropo longa resoluzion
     Che sora l'argomento se vol de l'atrazion.
No è fata quela scena per parlar d'argomenti,
     210Ma perchè la Brindè spiega i so sentimenti;
E quando del so afeto per sta via vegno in chiaro,
     No m'ha da importar gnente se ben altro no imparo,
E so ben che un teatro publico no comporta
     Che a certe quistion garbe se ghe averza la porta.
215Onde lodo l'inglese co 'l dise curto e presto
     Che xe el libero arbitrio, me deve bastar questo;
E de l'autor insieme lodo l'economia,
     Che a tempo e quanto basta mete filosofia.
Cussì fa chi sa l'arte, arte che tanto costa
     220Per dar nel genio a tuti, strussiando da so posta.
Ma cossa val stilarse aplicando el cervelo,
     Se poco se cognosse quel che xe bon e belo?
Tanto gh'è a la Pamela, tanto al Molièr concorso,
     Quanto se i mola i tori, quanto se i mola l'orso.
225Anzi che al fin del conto i spropositi resta,
     E dopo do tre anni stufa una bona testa. —
De incontrar ben, poeti, voleu la vera norma?
     No doparè el compasso, la squara, nè la forma;
Insonieve la note, l'insonio cussì grezo
     230Presentè su la scena, pensè mal, scrivè pezo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_Veneziane_Sul_Filosofo_Inglese.djvu/30&oldid=63743"