Pagina:Poesie Veneziane Sul Filosofo Inglese.djvu/24

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Ma un filosofo a i ochi dei omeni el presenta
     Che cognosse el so stato, che boria no l'ostenta.
25Se el se scusa d'un falo che ghe vien imputà
     Domandando perdon squasi per carità,
No l'incolpè per questo; l'è un omo d'esperienza
     Che benissimo intende tuta la so inocenza;
Ma el sa però che sempre le povere persone
     30Co le potenti e riche deve andar co le bone;
El sa star in quel grado ch'el cielo ghe prescrive,
     De la società i pati no 'l turba dove el vive.
Nè questo è veramente picolo insegnamento,
     Perchè ghe n'à bisogno nonantanove in cento.
35Pur troppo, per sto mondo, chi sa quatro ache sole,
     Va duro come un palo e sgionfa le parole,
De tuti quanti i altri el crede esser in cima,
     De nobiltà de sangue, de gnente no 'l fa stima.
El filosofo inglese, col so parlar modesto,
     40N'ha insegnà quanto basta s'el ne corege in questo. —
Ben! Ma po del milord l'incostante costume... —
     Incostante? Eh, l'esame sia fato co la lume. —
L'ho fato. Ogni momento el se mua de pensier,
     El xe istizzà, l'è inquieto: qual donca è el so mestier?
45Xelo bon, xelo tristo? Pacifico, iracondo?
     In ste tante muanze lo chiamo un omo tondo. —
Adasio. Fora ochiali, e sto milord vardemo;
     No go ben, se più chiaro al fin no 'l cognossemo.
L'è de fondo stizzoso, subito el chiapa fogo,
     50Co' la rason ghe parla la colera dà liogo.
Come un libro xe fato a ponto el cuor de l'omo,
     L'è diviso in più parte, diviso in più d'un tomo;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_Veneziane_Sul_Filosofo_Inglese.djvu/24&oldid=63736"