Pagina:Omero in Lombardia 1.djvu/66

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



2

Motivo, che sto mal Giove volesse
     Xe sta un certo pontiglio; una question
     Per onor, per amor, per interesse
     Tra Achille, e 'l General Agamenon.
     E perchè sto furor principio avesse,
     Apollo ga dà l'urto e l'occasion;
     Apollo, sì, nel vendicar l'offesa
     De Crise ha suscità sta gran contesa.

3

Al lido, dove i Greghi avea le nave,
     Un certo Crise xe vegnù, che giera
     Prete d'Apollo, e tra le Putte schiave
     L'aveva una so Fia vistosa in ciera.
     Ga sto bon Vecchio un portamento grave,
     E nella gravità gentil maniera;
     Scettro d'oro el ga in man, bel velo in testa
     E ricca indosso e maestosa vesta.

4

Quando in mezzo all'armada el s'ha trovà,
     Tutti i Grechi el s'ha messo a supplicar,
     E Agamenon e Menelao pregà
     L'ha caldamente, e l'ha tornà a pregar;
     I regali e ricchezze el ga mostrà,
     Che per sta Putta el ghe voleva dar,
     E da bon Vecchio l'ha parlà cussì:
     Prencipi, Generali, e Re, sentì.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Omero_in_Lombardia_1.djvu/66&oldid=63714"