Pagina:Marco e Tòdaro.djvu/161

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.
NOTE

(1) gnoco; metaforicamente bonario, talvolta anche sciocco.

(2) scorlon, (da scorlar, metatesi di scrollare) scrollo, scrollatina involontaria.

(3) palàe; propriamente palizzate, ma per metafora rive, bassi lidi, maremme.

(4) Squeri cantieri (da squadri, squari).

(5) Stazione marittima.

(6) Nell'isola di Sant'Elena fu in questi ultimi anni costruito uno stabilimento di fonderie.

(7) Il Cotonificio di Santa Marta, che dà lavoro a parecchie centinaia di operai.

(8) goti — bicchieri.

(9) cioche — lampadari di vetro.

(10) Si allude alla questione tanto dibattuta del ricollocamento della bandiera della Repubblica sulle tre antenne in piazza di S. Marco.

(11) I vapori del Lloyd Austriaco, che fanno periodicamente la traversata da Trieste a Venezia.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Marco_e_Tòdaro.djvu/161&oldid=63367"