Pagina:Levi - Versi in dialetto triestino.djvu/30

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



     Garzone e lavorante
Dala matina a sera,
Iera spesso debando,
De sabato la paga tuta intiera
De quando in quando
Mancava, e i do veceti
Impegnava, impegnava
Fin i linzioi dei leti.
Ma tuto inutilmente,
No tornava el lavor,
E licenziar la gente
Poveri, i ga dovesto con dolor.

     Iera una bela sera,
Un bel ciaro de luna, un ciel brilante
De milioni de stele;
Cantava primavera
Le sue strofe più bele
De amor el gran mistero
Nel peto de ogni amante,
E in cor dei do veceti
Colpidi da la sorte,
Come diamante nero,
Brilava la salveza nela morte.

     De più de un’ora a tavola sentai
No i fazeva parola,
Avilidi cussì no i iera mai,
El pianto ghe fazeva gropo in gola.
Nudava i oci in lagrime, dal cor
I sospiri vigniva suso come
El rantolo de chi sta per morir.
Che strazio, che dolor
Che no ga nome!
Meio, meio finir!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Levi_-_Versi_in_dialetto_triestino.djvu/30&oldid=69296"