Pagina:Le Rime Veneziane e Il Minuetto.djvu/161

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XI.


UNA BARUFA


La xe stada cussì: lu me ga dito:
Bulo - e mi: va in malora - e lu: pagiasso.
E mi: macaco - e lu: can e smargiasso.
4E mi: puina - e lu: piavolo e schito.

Mi, che go el sangue caldo, ò tirà drito,
E lu, sto bogia, drio passo per passo.
Mi me volto e ghe digo: òla, bravasso,
8Se ti continui ti xe belo e frito.

Lu taca ancora; mi, perdio, me sento
Spizzar le man, ghe salto adosso, e lu
11Me lassa andar un pugno a tradimento.

Casco, me levo su come 'na jena,
Ostrega porca! no lo vedo più,
14E me cato el gilè senza caena.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Le_Rime_Veneziane_e_Il_Minuetto.djvu/161&oldid=61263"