Pagina:Le Rime Veneziane e Il Minuetto.djvu/111

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



2

O botonçin de rosa fresco e belo,
Pien de dolçi profumi e de colori,
Forse t'à visto in sogno Rafaelo,
Vestìa de bianco fra mile splendori.

Madona e rosa, che mai no scolora,
Chi te vede se infiama e se inamora.

E invidia el sol che indora la to drezza,
L'arieta che te basa e te carezza.