Pagina:La gloriosa epopea.djvu/199

Da Wikisource
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.
AIUTATELO


Mi sarave curiosissimo
    De saver cossa che fa
    Serta zente che formigola
    4In sta povara cità.

Serta zente alquanto equivoca
    Che no fa gnissun mestier;
    O lo fa, ma i xe politichi
    8De no farvelo saver.

Serta zente profumada
    Dai caveli sin ai piè,
    Che xe sempre stravacada
    12Soto le procuratie;

Che ga sempre atorno un bossolo
    Che xe ozioso e sitibondo
    De sentir da quei oracoli
    16Le notizie de sto mondo;

Al qual lori fa i dotori
    De falope e falsità,
    E se spazza per autori
    20De la nostra libertà.

Mi voria proprio conosserli,
    Dal più più picolo al più grosso;
    E vorave farghe i pulesi
    24Se podesse... ma... no posso.

21 Luglio.
Dal giornaletto di Venezia
Sior Antonio Rioba.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:La_gloriosa_epopea.djvu/199&oldid=72081"