Pagina:L'acqua alta.djvu/30

Da Wikisource
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.
ATTO PRIMO.
SCENA PRIMA.


Portego con pergolo in casa de Sior Nadal.


Sior Nadal in bareta da notte, codegugna, mule vegnindo avanti a taston.

Nad. GNancora se ghe vede! Xe sonae
Che sarà un quarto d'ora le quatordese!
Mo che note! No le finisse mai!
Benedeto l'Istà! Presto fa dì!
Apena se xe in leto, el Galo canta
E fora el Sol: e no ghe xe bisogno
De consumar tant'ogio, e tanto sceo.
L'Inverno no me posso mantegnir!
I Servitori magna che i devora:
I me brusa la casa, e tutto el zorno
Lustrissimo, coss'e? No ghè più fassi.
Sior Paron, coss'e stà? Cossa ve casca?
No ghè candele, no ghe più farina

caricando.


No ghè, no ghè, no ghè, no ghè più gnente.
In tun momenta me sparisse tuto
E bisogna comprar tuto da capo.
Ghe vorave la borsa del Gran Turco
E no d'un poveromo come mi!
Oh! se no sparagnasse! cossa importa!
Sparagno per i altri! I me torave

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:L%27acqua_alta.djvu/30&oldid=69514"