Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/88

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Haverave rason de haver paura
     Molto più quei, che un leto in tre parechia,
     Se i no' credesse che la manco vechia
     40Man se dovesse avrir la sepoltura.

Perche toca al più zovene in quel'ano
     Morir de i tre, che quei lenzioi destende?
     Perche ala vita insidie se ghe tende?
     44Che mal xè quel, che ha merità sto dano?

Dirogio più che numero perfeto
     Sia el tre? l'ho dito zà; no'l digo adesso.
     Perfeta qualità donca xè in esso
     48El mandar l'inocente al caileto?

Adasio pur, che ghe sarà de megio.
     Se in tola se rebalta una saliera,
     No' ve posso mai dir che scura ciera
     52Adosso se ghe fazza, e bruto pegio.

E chi mai puol negar che no' intravegna
     Desgrazie, e morte? e quante se n'hà visto!
     Però de tola el sia bandio quel tristo,
     56O pur, se'l vien, dentro d'un piato el vegna.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/88&oldid=62949"