Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/86

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


DELLE OSSERVAZIONI
superstiziose del Volgo.


SATIRA SESTA.


NO' posso haver pazienza, quando sento
     Petegolar d'augurij infausti, e boni.
     Se trova certi savij Salamoni,
     4Che vuol predir tristo, o felice evento.

Parlo de quei, che per segnali, e casi
     Predise le disgrazie, e le venture.
     Discrete certo, e savie creature!
     8Viste aquiline! acuti, e smonti nasi!

O che ignoranza veramente crassa!
     Donca ne se puol star tredese a tola?
     E perche nò? questa è una gran parola!
     12Ve slarghe da la riva un poco massa.

Dov'è sta autorità? sù qual volume
     Se trovela de grazia, e chi l'hà scrita?
     Qual savia boca l'hà proferta, e dita?
     16Fè che'l sapia anca mi: demene lume.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/86&oldid=62947"