Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/77

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Adesso gh'e Tornei, Giostre, Bariere,
     Gh'è Mascare, e Spetacoli a più foze,
     Scene, Zardini, e gh'è Fontane, e Loze,
     120Gh'è seragi d'Osei, Barchi, e Peschiere.

Adesso gh'è Mezai, Camare, e Sale,
     Galarie, Coridori, e Gabineti,
     Che val tesori, Pavimenti eleti,
     124Musei, Forestarie, Cortili, e Scale.

Dove xè andai quei secoli inocenti?
     Quela rica, e beata povertà?
     L'età de l'oro, ò Dio, dov'ela andà?
     128L'età de l'oro è i secoli presenti.

Questa nostra è l'età vera de l'oro.
     L'oro tuto sogioga, e tiraniza:
     E, se Giove sdegnà tona, e lampiza,
     132Ride empiamente el Ciel quel, che hà tesoro.

Dove xè andà quela schietezza antiga?
     No' parlo nò del primo, e rozo Mondo,
     Ma vegnimo pur'anca oltra el segondo,
     136Dov'ela andà? Chi el puol saver me'l diga.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/77&oldid=62937"