Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/65

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Hò leto su i raguagli de Parnaso,
     Che un Miedego valente bolognese,
     Raro preservativo al mal francese,
     140Dava un'Homo depento, senza naso.

Quel Conio desperà, che andava al fosso,
     Per volerse anegar; vista la Rana,
     Corsa a cazzarse in paludosa tana,
     144Per gran timor, che se ghe messe adosso,

Disse: torno in cervel: viver m'è caro.
     Più d'ogn'altro no' son, come credeva,
     Per paura, infelice. El no' me greva
     148La vita più. Zà a consolarme imparo.

Gh'è vita per ciascun. No' avanza carne
     Mai su le Becarie. No' se prescrive
     Vita a l'un più che a l'altro; e tuti vive.
     152Sà i Rondoni nutrir, come le Starne.

Del poco la Natura anche se apaga,
     Che Madre liberal fu sempre a tuti:
     Proporzionai rende al bisogno i fruti.
     156Se trova cerusia per ogni piaga.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/65&oldid=62924"