Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/23

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Ve cascheria per questo el Mondo adosso?
    Credesseu impoverir le vostre sume?
    Che perde el Mar, se 'l dà socorso à un fiume?
    160Che perde un fiume à dar sovegno à un fosso?

Bel de l'oro è l'haver cumuli, e ampiezze;
    Ma el ben usarlo è alfin cossa più bela:
    E la pietà, trà le virtù, xè quela,
    164Che più bel rende el bel de le richezze.

No n'è mai speso mal quel, che se spende
    A prò de meritevole persona,
    Nè à quelo mai, ch'altri à l'Amigo dona,
    168La man Fortuna ingiuriosa stende.

Che me fà d'esser rico, e negar causa
    De farme benedir quando bisogna?
    Tesoro oculto è fracida carogna,
    172Corpo incadaverio, che rende nausa.

Mò, che costruto mai ve ne resulta
    Da l'oro, (ò Dio,) se nò l'havè per uso?
    Certo per miserabili ve acuso.
    176Che val richezza haver morta, e sepulta?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/23&oldid=62880"