Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/193

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



De queste ghe ne xè copia ben granda,
     Massima insie da stirpe generosa.
     La Plebe è per el più schiva, e retrosa:
     360Ma le bone però lasso da banda.

Ghe ne pratico mi più de qualcuna,
     Che hà tal modestia, e tanta placidezza,
     Tanta prudenza, e tanta disctetezza,
     364Che puol far dolce ogni più ria fortuna.

No' se podeva zà d'una, ch'è morta,
     Dar trato, o Dio! più nobile, e più grave,
     Più placido costume, e più soave,
     368E più maniera saviamente acorta.

Se queste incontra in qualche humor bizaro,
     No'n'hale forsi el so' dafar anch'ele?
     O Dio! pur tropo! ò grama la so' pele!
     372Quanto el so' stato è doloroso, e amaro!

Demelo pur bestial, demel de cochia,
     Taser, e haver pazienza al fin bisogna:
     Che no' se deve andar cercando rogna.
     376Dona, ch'habia cervel, no' se infenochia.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/193&oldid=62853"