Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/176

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Certo bisogna dir, che discrepanza
     Questa è d'età, de condizion, de haveri,
     E, quel, ch'è più, de genio, e de pareri.
     20Quà bate el ponto, e questa è l'importanza.

Se andasse unie tute ste cosse insieme,
     Saria fato senz'altro el beco al'Oca.
     Ma bala d'oro a chi cavar ghe toca?
     24Chi hà sta fortuna? O questo è quel, che preme.

No' se vede più Bauci, e Filemoni
     Andar vechi, e concordi al caileto.
     Quel nodo congiugal vero d'afeto
     28Vien trato a revolton zò de i balconi.

No' me posso agiustar prima a quel'uso
     De far tratati, e unir sposi, senza
     Che l'un vegna de l'altro a conoscenza.
     32E come mai se puol gradir st'abuso?

A l'orbesca se fà tanta facenda,
     Che, fata, no' se puol più revocarla?
     Che gran pazzia! Chi xè stà el primo a farla?
     36Sù i ochi mai chi g'hà ligà sta benda?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/176&oldid=62834"