Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/144

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Delle fastidiose detrazioni, e maledicenze delle Donne.


SATIRA DECIMA.


SArà possibil che no' vaga in liogo,
     Dove no' senta mai petegolezzi?
     Me và el cervel, nò che le rechie in pezzi.
     4No' posso più. Tropo xè longo el ziogo.

Gran dir! che molti fazza volentiera
     Conti streti, e menui sora el Compagno!
     Che bel'utile mai, che bel guadagno
     8Dal sindicato se ne traze, e spera?

O quanto volentiera altri se palpa
     Con man pesoca! e curiosi, e scaltri
     Quanto se và sù le magagne d'altri,
     12E s'hà per sì medemi ochi de talpa!

Con quanta diligenza le bruschete
     Sù l'ochio del Vesin s'osserva, e spia!
     E, benche grossi i proprij travi sia,
     16O no' i se vede, o in conto no'i se mete.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/144&oldid=62799"