Pagina:I sogni.djvu/88

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



e i sassi de le mure1
de i forti e de i castei
j-è tanti contastorie
16de l'epoca passà...!

3.°

Come se ariva al posto,
che l'aria ne saluda
fra un'alegria de càpari
4da la passion nel fior,

intomo a la «Fontana
del Fero»2 gh'è una ruda3
de inamoradi in bòssolo4
8che discore de amor,

e i se parla così:
«Amème mi — Amème mi!»

  1. Si allude alla cinta delle mura viscontee e scaligere — ai forti veneti e tedeschi — al castello di Teodorico ecc. che circondano e rendono assai pittoresca la valletta.
  2. Fontana del Fero. — Sull'inizio della primavera estiva era tradizionale per i Veronesi, di salire di buon mattino o verso sera a questa fontana che scaturisce dal monte di tufo con getto abbondante di un'acqua fresca e cristallina di sapore leggermente ferruginoso dovuto forse ai vicini giacimenti di terra gialla (pirite di ferro).
  3. ruda: ruota, serie
  4. in bòssolo: in circolo, in crocchio.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/88&oldid=66732"