Pagina:I sogni.djvu/73

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


In qual modo Alboino, dopo un regno di tre anni, fu ucciso, per consiglio di sua moglie, da Elmichi.


(Dalle cronache di Paolo Diacono)
(Cap. 28)


Il quale re, dopo aver regnato in Italia per tre anni e sei mesi, fu assassinato per le insidie della consorte.

E la causa dell'assassinio fu questa:

Essendo il re ad un banchetto presso Verona, vi si trattenne in allegria più di quanto bisognasse — e a un certo punto ordinò fosse portata alla regina, perchè ci bevesse il vino, una coppa, che egli aveva fatto col teschio del re Cunimondo suocero suo, ed a lei fece invito di bere lietamente col padre.

Che se ciò a qualcuno paresse impossibile, nel nome di Cristo, io dico il vero quando affermo, che questa coppa io vidi in un certo sabato, mentre il principe Rachî la teneva in mano e la mostrava ai suoi commensali.

Rosemunda, dunque, come ciò udì, si sentì in cuore un cruccio profondo, e, non riuscendo a reprimerlo,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/73&oldid=66962"