Pagina:I sogni.djvu/34

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



14.

Con do sirese rusteghe e zermane,
che j-è sangue real de primavera,
co ste do perle, bianco e rosse e sane,
4eco recini da far pleco1 in fiera...

E pò ghe zontarò2 a la me maniera
st'altra colana de marostegane,3
che destese de onda sul sen nudo
8no le soni4 un pecato... ma un saludo!»

15.

«Grassie el me bel Signor» — la m'à risposto
Dona Ciareta co le fiame al viso —
Che dal vostro Castel, dal vostro posto
4cantè come 'n'osel del paradiso;

sì propio svelto e zòvene e preciso,
e cavalchè nel modo più composto,
che mai s'à visto un omo su la rama
8cosìta cavalier co la so dama!»

  1. pleco: lustro, effetto
  2. zontarò: aggiungerò
  3. marostegane: ottima qualità di ciliegie carnose e duracine originarie del territorio di Marostica nel Vicentino
  4. che no 'l soni: che non sembri, che non sia frainteso
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/34&oldid=66653"