Pagina:I sogni.djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



10.

Se vegnea 'n' automobile, che ciasso!
«Ciù» stranudava tute le testine,
se passava un porcheto: Oh Dio che grasso!
4Se scadeva la sagra: Adio biondine,

come sì dolse e tendre1 e molesine,2
quando sarave3 che 'n'aremo4 a spasso?
Se passava 'na sposa: Atenti al fosso!
8Le testine rideva a più non posso!

11.

L'era nata da quà la indovinela,
che à fato el giro de l'età beata:
quei çinquessento cavalieri in sela,
4co i brassi verdi e testa «insanguinata»

che quando i combateva a spada trata
drento un stòmego forte de putèla,
ghe voleva el dotor del so paese,
8par la batalia abùa5 co le sirese!

  1. tendre: tenere
  2. molesine: morbide
  3. sarave: per, sarà
  4. che 'n'aremo: che andremo
  5. abùa: avuta
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/32&oldid=66651"