Pagina:I sogni.djvu/26

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.





NOTA.

È una ballata di ciliegie!

È il sogno di un giovane collegiale.

L'ambiente puramente fantastico di questo lavoro, si finge al piede dei poggi veronesi della valle dell'Alpone, ricca di frutteti e che possiede una caratteristica parlata campagnola carezzevole e di sapore romantico e cavalleresco.

L'indovinello al quale si allude nell'undicesima ottava, nella lezione veneta, dice precisamente così:

«Alto, alto, belvedere,
cinquecento cavaliere,
con la spada ritirata
e la testa insanguinata».
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/26&oldid=66645"