Pagina:I sogni.djvu/207

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.





L'ULTIMA LEVA


Passarà i ani e frusto l'oroloio,
vegnarà anca par mi quel çerto giorno
che marciarò al Ricovaro, al contorno
4de quei lumini che no g'à più oio;

Ociai sul naso, lesarò sul sfoio,
tabacando a la scatola de corno,
co i oci bisi che se guarda intorno,
8sempre in sospeto de un qualunque imbroio...

Passarà i ani, e co la man che trema,
saludando i più veci che va via,
11sensa un ricordo, sensa una bastiema,

Me sentarò su le me quatro asse,
aspetando, all'introl1 de l'agonia,
14che i ciama soto quei de la me classe!

  1. introl: vicolo chiuso.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/207&oldid=66607"