Pagina:I sogni.djvu/119

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


NOTIZIE CRITICHE
sulle origini e la essenza di “Dona Lombarda„


I primi studiosi che identificarono la «Dona Lombarda» con Rosmunda, regina dei Longobardi, furono all'insaputa l'uno dall'altro Cesare Correnti nel «Nipote del Vesta Verde», (1856) e Costantino Nigra.

Cesare Correnti, così scriveva: «Come non fremere alla funerea melodia della romanza di «Dona Lombarda» e che è quasi un languido ricordo della terribile Rosmunda?»

Costantino Nigra, due anni dopo, s'accinse ad assegnare a «Dona Lombarda» il posto d'onore, nel suo poderoso volume di Canti Popolari del Piemonte1 «Per la tragica altezza dell'argomento e per l'efficacia con cui questo è svolto — la canzone di «Dona Lombarda» può sostenere il paragone coi più lodati modelli della poesia popolare di ogni paese». E ancora: «In tutte o quasi tutte le lezioni — sieno esse Piemontesi, Lombarde, Emiliane, Venete, Marchigiane, Toscane o Romane, ricorre il nome di «Dona Lombarda - il quale


  1. Canti Popolari del Piemonte - pubblicati da Costantino Nigra - Torino - Loescher, 1888.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/119&oldid=66934"